BCM!!!

Il leak di hacking team ci offre uno spaccato su un mondo interessante, un pezzo di realta’ che preferirebbe rimanere nell’ombra, e condurre un po’ in disparte, i propri affari con governi, intelligence e corpi militari a seguito. Se non fosse che la pubblicita’ e’ l’anima del commercio e la sicurezza informatica e’ una grande fiera di paese…
Il materiale pubblicato si presta a molte letture e approfondimenti. Io vorrei puntare l’attenzione sull’effimero mercato della sicurezza IT, sulle sue regole e funzionamento, che sono una metafora perfetta della fragilita’ sulla quale si basa il nostro buffo mondo.
Gli affari di hacking team giravano attorno a una piattaforma software, RCS (remote control system), una soluzione  con iconcine gommosette, pensata per gestire comodamente backdoor su computer e cellulari. Spiccano i nomi degli agent che connotano il target militare della clientela: scout, soldier, elite.
Il valore in termini monetari del giochino dipende da due fattori: il vettore di installazione, il non essere rilevato dagli antivirus. Entrambi questi aspetti riconducono ad un termine che anche i giornali ormai ogni tanto infilano negli articoli, per fare colore: 0-day. Questo, sconosciuto ai piu’, oggetto del desiderio,  che riesce a smuovere la libido di ingegneri e informatici impiegati nel campo della sicurezza.
I software sono scritti da persone, le persone qualche volta sbagliano e introducono degli errorini che adeguatamente sfruttati permettono di far eseguire al proprio giocattolino elettronico altre cose, diverse da quelle che il programma che si sta usando era pensato per fare. Nel nostro caso monitorare live tutte le attivita’ eseguite su computer e cellulari.
Il codice in grado di sfruttare le sviste prende il nome di exploit, un exploit 0-day non e’ pubblico, quindi solo chi ha trovato l’errorino e quelli a cui ha voglia di dirlo, possono sfruttare la vulnerabilita’.
In un mondo diverso dal nostro, la ricerca degli errorini sarebbe un giochino divertente per farsi gli scherzi l’un l’altro.
Nel nostro umanschifo cosi’ splendidamente capitalista, cosi’ trionfalmente guerrafondaio, cosi’ patologicamente dominato da persone in preda a deliri ossessivi da disturbo narcisistico di personalita’, non e’ cosi’. Sono i diamanti del mercato della sicurezza, al piu’ qualche centinaio di righe di codice ( quando sono fatti a modino ) prezzati in diverse decine di K dollari.
Dalle mail disponibili su wikileaks si puo’ seguire l’evoluzione dell’hacking team dal 2005 in avanti. Negli ultimi 2 o 3 anni, lo 0-day pack diventa uno delle loro preoccupazioni principali. Poter offrire vettori di  installazione con vulnerabilita’ non note, e’ la chiave di volta per fare breccia nel cuore dei governi e impressionare  le intelligence mondiali.
Una mail del grande capo spiega bene che i loro punti di debolezza all’inizio del 2014 sono gli exploit e il mobile.
https://wikileaks.org/hackingteam/emails/emailid/15113
Nel 2013 parlavano invece cosi’
https://wikileaks.org/hackingteam/emails/emailid/340289
La situazione e’ ancora piu’ chiara qui
https://wikileaks.org/hackingteam/emails/emailid/347574
Il competitor citato e’ l’israeliana Nso.

Negli anni tentano dunque di infittire i rapporti nel ristretto ed elitario mercato mondiale degli 0-day. E parallelamente mettono in campo risorse per produrseli “in house”. Perche’ nell’ultima decade la ricerca di bug da cui trarre info leak e exploit e’ diventata sempre piu’ una faccenda complicata e Hacking Team ha bisogno di 0-day di qualita’, o anche no: l’importante e’ che funzionino. Dalle mail paiono servirsi essenzialmente da persone, che periodicamente mandano il proprio catalogo dei francobolli rari, con i prezzi al pezzo. Il loro team di tecnici valuta, prova e sceglie. Compra 0-day per flash, cose per android  e via cosi’. Comprano sembra da un russo. A quanto si capisce non ha voluto mostrarsi dal vivo se non incarnato nel proprio codice, che pare essere elegante e ben studiato. Lo prendono un po’ in giro perche’ e’ uno che posta anche su zdi, bruciandosi cosi’ gli 0-day (https://wikileaks.org/hackingteam/emails/emailid/24676). Da un americano, Dustin, un broker, piu’ che uno sviluppatore probabilmente (interessante questa mail https://wikileaks.org/hackingteam/emails/emailid/347574). Poi un asiatico, Eugene, incluso nell’organico di Hacking Team, perche’ ad un certo punto compare con una mail @hackingteam e sembra impiegato a tempo pieno nello ricerca/sviluppo di 0-day. La gallina dalle uova d’oro. E’ bellina una mail nella quale si preoccupano del rilascio di windows 10, perche’ hanno pochi exploit funzionanti per quella piattaforma e ripongono le loro speranze in uno per vlc sviluppato da Eugene.
https://wikileaks.org/hackingteam/emails/emailid/1039373

I pagamenti per gli exploit avvengono a trance di mesi, se la vulnerabilita’ dopo tot mesi viene patchata, il pagamento e’ sospeso. Una sorta di garanzia.
I clienti vogliono la silent installation tramite exploit. E nel 2015 hacking team sembra cresciuta nell’organico e aver ampliato RCS equipaggiandolo con diversi 0-days e altre cosine all’ultimo grido: https://wikileaks.org/hackingteam/emails/emailid/23

Interessante la parte sulla uefi infection, in cui compare Tails.
Il giochino se siete curiosi e’ spiegato piu’ o meno in questa mail https://wikileaks.org/hackingteam/emails/emailid/473283

La ricerca della parola uefi mi ha condotto a questo report da manuale di It crowd
https://wikileaks.org/hackingteam/emails/emailid/19213

Si capisce che sono in due ad una sorta di demo con un  cliente, l’installazione uefi funziona, ma l’agent scout poi non parte al riavvio della macchina, allora mentre uno dei due distrae il cliente l’altro lancia un exploit di quelli che zitti zitti funzionano sicuro (silent installation) e il tipo non si accorge di nulla. Ripetono il giochino con un popup di avg che compare durante la demo. Lo chiudono al volo e il cliente di nuovo non nota nulla. Ancora piu’ bello il test con norton, che rileva l’agent. Allora mentre il secondo distrae il compratore (che a questo punto possiamo pero’ classificare come un po’ scemotto) l’altro mette in whitelist scout e cosi’ la sfangano di nuovo.
In ultimo con windows 8.1 e bit defender riescono a ricavare meno informazioni del dovuto dal sistema, pero’ il cliente tanto non sa bene cosa dovrebbe fare l’oggetto e quindi non si accorge di niente.

Insomma il loro rapporto con la realta’ e’ piuttosto particolare considerato che hanno a che fare con militari/intellegence, e sperano di essere rilevati (salvati dal fallimento) dai servizi segreti italiani. Sembrano divertirsi a sviluppare questi giochini e si autoincensano in qualita’ di azienda all’avanguardia nel panorama mondiale, pero’ fanno le supercazzole ai clienti, come il verduriere che tiene il dito sulla bilancia per fregare la vecchietta di turno.
Leggendo i loro scambi di email colgo una sorta di incapacita’ nel districarsi nella complessita’ del reale. Queste poche righe mettono a disagio https://wikileaks.org/hackingteam/emails/emailid/58672
L’elenco di supercattivi che si conclude con l’ottocentesco “complotti anarchici e terroristici” e l’atteggiamento da “ah ma se voi, sapeste umanita’ ingrata, tutto il bene che  vi stiamo facendo” rivela una tendenza a semplificare la realta’, quale meccanismo di autodifesa e di autoassoluzione. Pensare che governi/militari/intelligence siano i buoni che  combattono i supercattivi e’ qualcosa che non trova corrispondenza nella storia dell’umanita’.
Per restare sui fumetti, perfino il trio paperinik, paperinika, paper bat rivelano una maggiore capacita’ di indagine del mondo circostante, e l’ispettore gadget li batte in simpatia.

Comunque se fossi in hacking team io non me la prenderei troppo per il leak. Alla fine alcuni di loro non provengono dall’esperienza di antifork.org ? E nella pagina about di antifork non c’era forse scritto

Antifork Research supports the free software movement, full-disclosure of security problems and freedom of information. We dislike commercial security brands, ‘cause money doesn’t always mean security. We follow many exciting projects, related to computer technology.

Prendetela come un ritorno ai bei vecchi tempi, ora tutti sanno tutto: full-disclosure.
E cmq coraggio, come ama ripetere il grande capo: BCM!!!

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+

2 Responses to “BCM!!!”

  1. Lo Scandalo Hacking Team - Rischio Calcolato | Rischio Calcolato Says:

    […] da Cavallette, il Blog di Autistici.org […]

  2. Galaga Says:

    …e sti stronzi non sanno nemmeno quotare. :D Sto diventando scemo a cercare di seguire il filo del discorso nei loro scambi di messaggi.