London: big brother poster

Nella metropolitana di londra sono apparsi dei manifesti realizzati dal governo, in pieno stile big-brother o brazil.

secure watchful eyes

No Responses to “London: big brother poster”

  1. spleen Says:

    Che c’è scritto sul manifesto?
    (gh)

  2. psylocibe Says:

    Letteralmente “al sicuro, sotto gli occhi attenti/guardinghi”; è riferito alla capillarissima copertura CCTV (videocamere a circuito chiuso) nella metropolitana. Le strade e i parchi non sono da meno, ci sono telecamere nascoste o no ovunque in tutta Londra.

  3. spleen Says:

    Graz!

  4. hardskinone Says:

    Nella metro e nei parchi sì. Che le telecamere siano nascoste non mi pare (almeno non ancora). Hai link?

  5. I Pollitici » A Londra appaiono i manifesti previsti da Orwell Says:

    [...] A partire da BoingBoing, che associa i poster non ad Orwell ma al celeberrimo film Brazil di Terry Gilliam, i commenti sulle affissioni si sono moltiplicati. Che si tratti di “big brother” o “brazil” la cosa colpisce Autistici/Inventati mentre di “stile orwelliano” parla Mind Hacks che, descrivendo gli occhi che caratterizzano l’immagine del poster, sottolinea come questo possa essere figlio di uno studio secondo cui ricordare alle persone che sono sorvegliate le spinga ad agire in modo più onesto. Non a caso c’è chi dice, osservando il poster: “Ecco, il 1984 è finalmente arrivato in Inghilterra”. “All’apparenza – attaccano altri – il governo pseudo-fascista del Regno Unito ritiene di essere il potere più elevato nel paese. Non è così: in ogni società democratica il massimo potere lo ha il popolo. Se qualcuno deve sorvegliare allora è la gente che deve guardare il Governo!”. [...]

  6. snatcos Says:

    al di là del fatto che sia giusto o meno, a me personalmente spaventa e non sono per niente d’accordo, data l’apparente inevitabilità di qst tipo di “progesso”, trovo che sarebbe giusto se questa rete di monitoraggio e controllo fosse accessibile a tutti i cittadini.

  7. psylocibe Says:

    per hardskinone: non ho link, lo so per esperienza diretta che le telecamere nascoste ci stanno. cmq quando ci stanno c’è sempre un cartello che avvisa che l’area in questione è sotto sorveglianza cctv, presumo sia una prescrizione della legge inglese. quanto ai londinesi, credo che la maggior parte di loro si sentano “meglio protetti” dalle videocamere, anche se esiste una componenente molto critica dell’opinione pubblica.

  8. Matec 2006 » Blog Archive » Da puntoinformatico 17/01/07 Says:

    [...] A partire da BoingBoing, che associa i poster non ad Orwell ma al celeberrimo film Brazil di Terry Gilliam, i commenti sulle affissioni si sono moltiplicati. Che si tratti di “big brother” o “brazil” la cosa colpisce Autistici/Inventati mentre di “stile orwelliano” parla Mind Hacks che, descrivendo gli occhi che caratterizzano l’immagine del poster, sottolinea come questo possa essere figlio di uno studio secondo cui ricordare alle persone che sono sorvegliate le spinga ad agire in modo più onesto. Non a caso c’è chi dice, osservando il poster: “Ecco, il 1984 è finalmente arrivato in Inghilterra”. [...]

  9. Matec 2006 » Blog Archive » Da puntoinformatico 16/01/07 Says:

    [...] Londra – George Orwell ne aveva parlato nel suo romanzo più celebre: manifesti e slogan piazzati un po’ ovunque dal Governo, per ricordare ai cittadini ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, e che il controllo continuativo di un grande occhio, quello di un grande fratello, è cosa buona e sana, e fa sentire tutti più sicuri. Questo hanno pensato molti di coloro che si sono imbattuti in una nuova serie di poster affissi sui muri della metropolitana londinese (vedi qui sotto).A partire da BoingBoing, che associa i poster non ad Orwell ma al celeberrimo film Brazil di Terry Gilliam, i commenti sulle affissioni si sono moltiplicati. Che si tratti di “big brother” o “brazil” la cosa colpisce Autistici/Inventati mentre di “stile orwelliano” parla Mind Hacks che, descrivendo gli occhi che caratterizzano l’immagine del poster, sottolinea come questo possa essere figlio di uno studio secondo cui ricordare alle persone che sono sorvegliate le spinga ad agire in modo più onesto. Non a caso c’è chi dice, osservando il poster: “Ecco, il 1984 è finalmente arrivato in Inghilterra”. [...]

  10. gizero Says:

    sembra comunque che la campagna non sia un’invenzione recente
    già aveva fatto scalpore nel 2002
    http://www.samizdata.net/blog/archives/002285.html#002285

  11. cybergio Says:

    queste sono alcune immagini scattate quell’anno:

    http://web.archive.org/web/20030830141422/www.genesplice.org/Bus1984Poster/MVC-863X.JPG

    http://web.archive.org/web/20021113035418/www.genesplice.org/Bus1984Poster/MVC-861X.JPG

    e qui il testo con il quale veniva presentata la campagna dalla TfL:

    http://web.archive.org/web/20021206170836/http://www.londontransport.co.uk/buses/press_525.shtml

  12. a. Says:

    Ne parlano anche qui:
    http://sdz.aiap.it/notizie/7211